Panoramica sul futuro prossimo dei display OLED, aziende e prodotti che ci cambieranno la vita!

Gennaio 30th, 2009

Finito il CES 2009, possiamo fare una panoramica sullo sviluppo della tecnologia OLED analizzando le dichiarazioni di Barry Young direttore della OLED Association.

I membri dell’associazione si stanno impegnando con successo a produrre nuovi schermi OLED e innovative sorgenti di luce oltre a diversi prototipi, l’obiettivo è alzare la qualità della visione e abbassare i consumi.
Vediamo nel dettaglio cosa stanno sviluppando le compagnie più attive situate in ogni parte del mondo:

La Samsung Mobile Display ha fatto vedere una moltitudine di schermi dai 2,6 i 14,1 pollici, inclusi pannelli già usati in dispositivi mobili. La SMD è una nuova joint venture fra Samsung SDI e Samsung Eletronics, che è diventata leader nel campo dei display AMOLED soprattutto sui cellulari e in diversi altri dispositivi con shcermi di piccole dimensioni.
Abbiamo già parlato dello schermo trasparente, e dello schermo flessibile per notebook; al CES 2009 ha chiuso la presentazione uno schermo TV OLED da ben 31 pollici.

La Cambridge Display Technology leader nella ricerca sui polimeri ha fatto vedere dimostrazioni di dispositivi con colori brillanti e con schermi flessibili da cui ricevere inofmrazioni.

La Universal Display, una delle compagnie più attive e di cui abbiamo parlato nel settore ricerca, ha presentato il prototipo di uno schermo da polso basato su un display OLED da 4 pollici molto sottile.  Ad usufruire della ricerca, saranno per primi i militari dei corpi di elite del’ll’esercito americano, che sono attenti agli sviluppi di questa collaborazione con LG Display, L-3 Communications e la Display Systems.
Questo rivoluzionario dispositivo, finita la fase di test,  si presterà fra pochi anni anche a interessanti applicazioni in ambito consumer.

La UD ha inoltre mostrato il suo “giardino organico” basato su schermi fosforescenti eco-friendly (PHOLED) i cui materiali per il mercato degli schermi e delle sorgenti luminose sono in pieno sviluppo.

La Idemitsu Kosan che si occupa di ricerca sulla chimica degli OLED,  ha esibito una seire di pannelli OLED che hanno illustrato nuovi materiali fluorescenti e fosforescenti legati ad applicazioni luminose.

La Ignis Innovations ha mostrato un prototipo con schermo da 2,2 pollici  che unisce le ricerche della compagnia sugli AMOLED, formato da un substrato amorfo di silicone o polisilicone che fornische un eccellente e affidabile retropannello per gli AMOLED. Questa struttura a matrice organica attiva, riduce i costi e aumenta la produttività potenziale, in ottica di una produzione massiccia sul mercato.

La Novaled si occupa di efficienza energetica e aumento della durata dei display OLED, ha mostrato un’impressionante lampada con 3 volte l’efficienza delle normali lampade ad incandescenza, e con una durata di dieci volte superiore. Il tutto senza mercurio che rende le lampade molto più facilmente riciclabili.

Tags: , , , , , , ,
Posted in CES 2009-2010, Rapporti e Ricerca | Commenti (2)

2 Responses to “Panoramica sul futuro prossimo dei display OLED, aziende e prodotti che ci cambieranno la vita!”

  1. Francesco Romano Says:

    Sony fa parte della Oled assosiation? Barry Young non ne ha parlato? sony è la più attiva nel campo delle tv oled ed è l’unica a venderne una. Il direttore non ha detto Quando usciranno altri modelli?
    Intanto consiglio di scaricare dal sito della sony il manuale di istruzioni dello xel-1 dove sono spiegati in modo chiaro il funzionamento e i vantaggi della tv Oled.

  2. Moderatore Says:

    Sony non fa parte della OLED-A i cui membri di cui abbiamo parlato nella pagina delle ricerca si trovano a questo indirizzo: http://www.oled-a.org/members.cfm
    Sony sta andando avanti da sola e piuttosto bene, l’aumento delle dimensioni dipende solo dall’abbattimento dei costi di produzione e dall’esaurimento del ciclo prodotto degli LCD.
    Sulla pagina “per saperne di più” si trovano spiegazioni tecniche e confroti rispetto agli LCD e Plasma. I vantaggi sono evidenti e il maggiore è in prospettiva la flessibilità e la portatilità estrema di questi schermi.